Benedetta Cosmi “Il bene comune. Dove spingere lo sguardo della politica.” Armando Editore

Prefazione Luciano Fontana

Armando Editore

Pagine 146, prezzo 14,00 euro

Un vademecum progettuale. Rete, materiali, progetti concreti ma soprattutto l’idea della società che si vuole costruire. Che combatte l’alienazione quella che altrimenti colpisce gli individui, ma contagia società e comunità intere. Che società si crea quando si priva della possibilità o perfino del desiderio di avere accesso alle risorse culturali? Da questa domanda di vent’anni fa di Chomsky, ne Il bene comune, Cosmi parte. La lettura, “è un autentico e insostituibile bene comune”. I musei, le biblioteche, i corpi intermedi, le piazze, la scuola, l’università, i luoghi dell’innovazione, i centri culturali, sportivi, l’associazionismo, le aziende, i libri, i bimbi, sono il bene comune, di cui parla l’autrice. Storie di un presente che non pensava al futuro e di generazioni che cercano una società aperta, basata sul lavoro e merito, in Italia, talora all’estero. Programmi per chi resta. È come un giro d’Italia (non fisico, città per città ma di rappresentanza, rappresentanza politica di quello che è stato fatto, si può fare si potrebbe ancora fare meglio su tutto il territorio nazionale con le persone che possono collaborare). E (come ama ricordare il direttore del Corriere della sera) un capitolo è dedicato anche all’idea di Benedetta Cosmi di un “giornalismo costruttivo”, “che prende a cuore un problema e lo segue fino a quando le risposte pubbliche e private che quel problema pone non saranno arrivate”.

Benedetta Cosmi, giornalista economico, trentaseienne, esponente di spicco della società civile di Milano, da un lungo trascorso nel sindacato che ha contribuito ad innovare. Vicedirettore della testata della Cisl e per cinque anni Innovation manager. È alla sesta pubblicazione. Con Armando Editore è al suo secondo libro, in entrambi l’attenzione sulle future generazioni, la società e il lavoro. È mamma di una bambina, è molto impegnata sui temi donne, economia e potere, sia come associazioni, sia come ospite di Unomattina in famiglia.

www.armandoeditore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.