Un pensiero

« Dalla vetta sulla quale si è appollaiato, l’orgoglioso guarda sempre verso il basso e, ovviamente, non vede che esseri ignoranti, deboli e viziosi. Egli li considera con disprezzo e si aggira ovunque gonfio di un senso di superiorità. Ma essendo sempre soddisfatto di se stesso, egli non avanza.
Chi guarda verso l’alto, invece, vede degli esseri più evoluti, più saggi e più luminosi, e a quel punto, facendo un paragone, cominciano ad apparirgli i propri difetti. In confronto a loro si sente piccolo piccolo; diventa umile, ed è quell’umiltà a farlo crescere. Sì, perché fissando la sua attenzione su quegli esseri e ammirandoli, egli non rimane senza fare nulla: lavora, fa degli sforzi, vorrebbe tanto diventare come loro! Ed è così che avanza. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.